Learning Exchange: le differenze tra un broker e un trader

Osservando una persona che si occupa di mercati finanziari mentre lavora davanti a dei monitor con diversi grafici, automaticamente gli si attribuisce la professione di broker, ma non è così cos’è davvero? Molto spesso la figura del broker viene confusa con quella del trader. Tra le due figure professionali esistono delle differenze, che di seguito andremo ad analizzare.

Il trader, è quella persona che si occupa della realizzazione di operazioni di acquisto e vendita di beni nei mercati finanziari. Il fine dell’operazione portata avanti dal trader è il guadagno o capital gain, ottenuto con l’acquisto e la vendita ad un prezzo superiore di uno strumento finanziario.

Può trattarsi di un professionista, cioè operatore specializzato di banche, sim e società di gestione del risparmio, o di un piccolo investitore, ossia un semplice cittadino che investe i suoi risparmi in borsa, analizza il mercato e prende le sue decisioni in merito all’acquisto o alla vendita.

La nascita del trading online ha consentito a chiunque di inviare ordini al broker attraverso internet consentendo l’investimento sui mercati anche di piccoli risparmiatori. I trader professionisti però hanno spesso una tempistica diversa, in quanto tendono ad acquistare e vendere al fine di ottenere guadagni immediati, anche in un solo giorno: in tal caso si parla di day-trading.

Trading Binario Prova Demo gratuito! Per realizzare le attività di acquisto e vendita nel mercato finanziario. il trader si serve di un intermediario finanziario, cioè il broker, che a sua volta, ricevuti degli input, ossia prezzo, quantità, codice dello strumento e segno dell’operazione (acquisto o vendita). Questo esegue l’operazione e cura tutte le fasi successive in cambio di una commissione. In sostanza il broker non fa altro che “rigirare” al mercato le proposte degli investitori, fornendo anche informazioni sulla situazione dei mercati, o consigli sui titoli da acquistare o vendere. Il broker non assume un ruolo attivo nella transazione né tantomeno propone delle sue offerte al mercato: il suo profitto è quindi generato solamente dalle commissioni (fee) che richiede per ogni operazione portata a buon fine; le commissioni possono essere fisse (un tot per operazione) o a percentuale (una percentuale del valore dell’operazione).

Ricapitolando:

Che cos’è un broker? Per broker si intende un intermediario tra un operatore (che può essere un compratore o un venditore) ed il mercato del trading delle opzioni binarie.

Che cos’è un trader? Per trader si intende un operatore di mercato (denominato anche forex sul mercato di scambio) che negozia i prodotti finanziari ed interviene direttamente sui mercati cosa sono i CFD? I traders professionisti generalmente lavorano in una trading room di una banca d’investimento o di società di gestione patrimoniale, ma con lo sviluppo del trading online possono operare anche i comuni mortali che sfruttano tutti i servizi offerti da piattaforme come 24Option, OptionTime, TopOption e via discorrendo.

Pubblicato in Trading | Commenti disabilitati su Learning Exchange: le differenze tra un broker e un trader

Il mondo del trading online e delle opzioni binarie

Il trading online è tra i mercati più fiorenti di tutto il web, con schiere di traders sempre più folte e variegate, ed una quantità impressionante di piattaforme che permettono a praticamente chiunque ed in qualsiasi momento di investire il proprio denaro attraverso strumenti avanzati ed efficienti come le opzioni binarie. I vantaggi offerti dai broker online sono numerosi e molto importanti e non riguardano la sola comodità di poter investire da casa propria attraverso il proprio computer, ma anche la presenza di tassi di investimento molto bassi e l’assenza di tutte quelle figure intermedie che rendevano il trading classico costoso e di fatto meno conveniente. Inoltre come se non bastasse, grazie al trading online i neo trader sono in grado di scegliere e gestire in prima persona i propri investimenti ed il proprio capitale, con tutti i vantaggi che ne consegue e che riguardano la possibilità di scegliere titoli o azioni su cui investire in funzione di informazioni che si ritengono importanti o la possibilità di eliminare un investimento che non si sta rivelando vantaggioso in qualsiasi momento.

I motivi di un simile successo e di una così rapida espansione di questo settore nel web, sono da ricercarsi anche in piattaforme di trading semplici e molto intuitive che mettono a disposizione dei trader strumenti per l’analisi, la ricerca, e la creazione di investimenti, come grafici ed indicatori per tenere traccia del mercato e del suo andamento, e strumenti come le opzioni binarie in grado di rendere l’attività di trading incredibilmente semplice ed alla portata anche dei meno esperti.

Proprio queste ultime, le opzioni binarie, sono la chiave di volta che ha avvicinato notevolmente questo mondo, fino a pochi anni fa considerato come pericoloso ed inaccessibile, alle grandi masse, grazie alla possibilità che offre ai trader di investire il proprio denaro attraverso pochi click e senza dover essere un maestro di finanza e statistica. Alla base delle opziono binarie infatti, troviamo delle meccaniche a dir poco essenziali, che consistono nel dover solo predire l’andamento del valore di un dato asset sul mercato e di determinare quale tra due possibili scenari verrà a crearsi. Le opzioni binarie infatti, prevedono sempre due e soli due possibili scelte per il trader, che deve ad esempio determinare se al termine di un investimento il valore di un asset sarà aumentato o diminuito rispetto all’inizio dello stesso, o se avrà raggiuto delle date soglie banc de swiss. Il tipo di previsione ovviamente è legato al tipo di opzioni binarie che si utilizzano e può essere più o meno complicata con soglie da raggiungere o intervalli di investimento più brevi e quindi meno prevedibili, fattori questi che determinano direttamente il grado di rendimento dell’opzione.

Tra le opzioni binarie più utilizzate ci sono le Call/Put, le One Touch e le Speed Maaster, con le prime che consistono nel predire l’andamento nel valore di un asset, le secondo il raggiungimento di questo valori di soglie minime o massime, e le terza che invece prevedono investimenti brevissimi da 30 a 90 secondi.

Pubblicato in Binary Options | Commenti disabilitati su Il mondo del trading online e delle opzioni binarie